5 consigli per un’illuminazione perfetta

Quando  progettiamo gli ambienti delle nostre case, non possiamo non considerare l’illuminazione che gioca un ruolo determinante non solo  nel definire  atmosfere e stili  ma  anche nel migliorare  la funzionalità di una stanza. Ecco alcuni dei nostri consigli preferiti per decorare con la luce.

1. Fai un piano di illuminazione

Come sempre, non bisogna improvvisare,  sia che sia in atto una ristrutturazione sostanziale che un semplice restyling di  un ambiente. Perciò meglio prima riflettere su un piano di illuminazione essenziale tenendo in attenta considerazione quali attività si svolgono nella stanza ( zona pranzo, angolo  relax, area lavoro, etc); quali sono le caratteristiche dell’ambiente da enfatizzare  e quali al contrario gli elementi che si vogliono nascondere; la posizione e la portata delle luci naturali  e infine lo stile e l’atmosfera che si vuole ottenere.  

2. Pensa a strati

Utilizza la tecnica dell’illuminazione a strati immaginando la tua stanza come una grande torta in cui ogni strato si costruisce sopra l’altro.

lluminazione generale / ambientale è lo strato principale della torta : la sostanza. Rappresenta tipicamente il 75% della luce della stanza; ti assicura di poter camminare in uno spazio senza urtare contro i mobili. Per ambienti più grandi, l’illuminazione ambientale potrebbe richiedere alcune luci sospese come lampadari e plafoniere.

Illuminazione di ambiente

Illuminazione di ambiente – Fonte: Kichler

Task Lighting (illuminazione per attività) è la glassa della torta:  rende più appetitosa la torta.  Rappresenta un tipo di illuminazione di supporto ad attività specifiche che si svolgono in un porzione circoscritta della stanza  come la lettura di un libro o  il taglio delle verdure.  Annota tutti i compiti che si svolgono in una stanza e assicurati di pianificare un’idonea illuminazione intorno a loro.

Task Lighting

Task Lighting – Fonte: Kichler

L’illuminazione d’accento ( o decorativa)  è la ciliegina in cima alla torta:  ne esalta tutti i sapori e la completa la torta. L’illuminazione d’accento funge da elemento decorativo, esaltando alcuni dettagli architettonici,  come piante d’appartamento, dipinti, sculture, una cappa decorativa o porte degli armadi scolpite.

Illuminazione d’accento – Fonte: Kichler

3. Personalizza l’ambiente con le lampade a sospensione

Indipendentemente dal fatto che siano utilizzati in un ambiente tradizionale (isola della cucina) o in uno spazio non convenzionale ( un angolo di lettura), le lampade a sospensione sono un’ottima fonte di stile e illuminazione. Le loro dimensioni compatte e l’altezza regolabile consentono di utilizzare più elementi e disporli in modi creativi. Scegli di abbinare più  lampade a sospensione , anche di diverse collezioni, scaglionale o crea un grappolo come queste lampade di Lampade.it.

Lampada a pendolo Chateau

Lampada a pendolo Chateau

4. Resta coordinato

Sembra una banalità ma è fondamentale per ottenere un risultato d’effetto:  l’illuminazione da una stanza all’altra deve essere coordinata, sia nello stile che nella qualità della luce.  Quando acquisti le lampadine assicurati che abbiano tutte una temperature di colore simile. Così facendo,  il flusso di illuminazione sarà coerente tra gli ambienti. Inoltre,  le lampade non devono entrare in contrasto con lo stile degli ambienti. Perciò ben vengano in  un arredamento moderno  delle lampade pop per vivacizzare l’ambiente mentre lampade con tonalità più scure aggiungono un tocco di lusso e intimità ad ambienti classici.

5. Faretti per creare enfasi

Usa l’illuminazione per focalizzarti in modo sottile (o meno sottile) su un elemento architettonico o su un elemento di arredo (come una poltronea o un quadro). Luci montate a parete disposte simmetricamente su entrambi i lati di uno specchio o  di un caminetto aggiungeranno calore, raffinatezza ed eleganza a una stanza.