Quantcast
Bonus Ristrutturazioni 2020: tutte le agevolazioni - Casa di stile

Stai pensando di ristrutturare la tua casa?

Come per l’anno passato, anche nel 2020 potrai beneficiare del Bonus Ristrutturazioni, che prevede la detrazione IRPEF del 50% sulle spese sostenute fino ad un massimo di 96000 euro.

Il bonus fa parte dell’attuale Legge di Bilancio ed è stato approvato dal Senato lo scorso 16 Dicembre. La richiesta di detrazione delle spese potrà essere fatta ovviamente al momento della Dichiarazione dei redditi.

Questa è un’ottima notizia nel caso si voglia effettuare delle modifiche agli ambienti della casa (ad esempio abbattendo muri interni e ampliando gli spazi), o se sono necessari dei lavori di manutenzione come il rifacimento di tetto e pavimenti.

In questo modo si potrà avere una casa nuova senza dover incidere troppo sulle spese familiari. Come funziona il Bonus Ristrutturazioni? Vediamolo nel dettaglio:

Beneficiari e spese incluse

A poter usufruire del bonus sono tutti coloro che nel periodo dal 1 Gennaio al 31 Dicembre 2020 hanno dovuto effettuare dei lavori di ristrutturazione di immobili, in particolare:

  • Proprietari e locatari
  • Titolari di diritto reale di godimento (uso, usufrutto…)
  • Detentori (chi paga un affitto)
  • I familiari conviventi di tutti i soggetti sopra citati

Va da sé che per richiedere la detrazione bisogna aver fatto tutto in modo conforme alle norme. Bisogna quindi per prima cosa aver chiesto al proprio Comune la concessione per iniziare i lavori, che sarà di diverso tipo a seconda di cosa si andrà a fare.

Inoltre è necessario aver effettuato i pagamenti per le spese di ristrutturazione in modo regolare, in modo da poter esibire le fatture quando  si andrà a chiedere la detrazione. Fa’ quindi attenzione, altrimenti la richiesta di detrazione non sarà valida!

I lavori di ristrutturazione che hanno diritto alle agevolazioni fiscali sono tutti quegli interventi per la manutenzione ordinaria o straordinaria degli immobili, come ad esempio:

  • Abbattimento pareti
  • Lavori all’impianto elettrico
  • Costruzione di scale
  • Manutenzione balconi
  • Realizzazione secondo bagno

bonus ristrutturazioniOltre alle spese per i lavori in sé, è possibile segnalare anche quelle sostenute per l’acquisto dei materiali e per le attività preliminari come i sopralluoghi.

Come richiedere il bonus

Il bonus è pari a metà della spesa sostenuta e viene ripartito in rate per i dieci anni successivi alla richiesta. Mettiamo ad esempio che tu abbia speso 10000 euro: in questo caso avrai diritto a una detrazione fiscale di 5000/10, cioè 500 euro all’anno.

Ḕ molto importante che le spese per i lavori siano state pagate tramite bonifico bancario o postale; dovrai inoltre conservare tutta la documentazione e le ricevute dove saranno presenti:

  • Causale del versamento, con riferimento alla legge attuale
  • Codice fiscale del beneficiario
  • Codice fiscale o Partita Iva di chi esegue i lavori
  • Dati catastali dell’immobile

Se alle spese per i lavori hanno contribuito anche dei familiari conviventi, potrai indicarli nel bonifico in modo che possano anche loro usufruire delle agevolazioni fiscali.

La detrazione potrà infine essere richiesta all’Agenzia delle Entrate all’interno della dichiarazione dei redditi successiva all’anno in cui sono stati fatti i lavori, allegando i documenti sopra menzionati.

 

 

©2020 Casa di Stile - Lasciati ispirare

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account